Irene Soave

verità

In le parole di oggi on 8 settembre 2010 at 8:18 am

Will it come like a change in the weather?
Will its greeting be courteous or rough?
Will it alter my life altogether?
O tell me the truth about love.

 

I finiani di Farefuturo attaccano il direttore del Tg1. “Caro babbo Natale”, scrivono sul loro webmagazine: “liberaci da Minzolini, che non fa informazione ma solo propaganda”. Chiedendo più “verità” nel tg dell’ammiraglia. Ma che tempismo. Certo in effetti nel quasi ventennio in cui sono stati alleati strettissimi con B il problema del pluralismo non c’è mai stato, è nato solo negli ultimi mesi.  Qui spiegano il perchè di una rivolta tanto tardiva, ma, a me pare, arrampicandosi un po’ sugli specchi.

L’ambiziosa parola “verità” è anche la missione di Wikileaks, il sito che pubblica documenti anche riservatissimi da cui ormai periodicamente scoppiano calderoni. “Sogno un giornalismo che funzioni come la scienza”, è il manifesto del fondatore di Wikileaks, Julian Assange, “che per ogni cosa che dice è tenuto a portare prove, documenti, evidenze”. Lui ora ha guai giudiziari, alcuni collaboratori del sito gli chiedono di lasciare.

La verità, vi prego, sull’amore. La chiedeva il poeta W. H. Auden, la chiediamo tutti, no? Forse per questo spuntano come funghi i “libri-verità”. L’ultimo è Vietato ai minori, firmato da una certa Veronica Q., che dopo Melissa P. preluderà forse a una Carla S., a una Roberta T, a una Giovanna U. e via dicendo. Gli ingredienti sono quelli della cronaca recente meno documentata: ragazzine adolescenti che fanno sesso prestissimo (novità generazionale?) magari in cambio di una ricarica del cellulare, genitori assenti che compensano dispensando denari a palate, amiche stronze, vestiti firmati, adulti pronti ad approfittare dello smarrimento di queste ragazzine alla prima occasione che si presenti. Un “assaggio” del libro (Newton Compton) si trova nei bar e nelle metropolitane, distribuito in formato cartolina. Boh non so. A me è molto più simpatica quest’altra “lettera-verità” uscita ieri sul Corriere, di una ragazza sedicenne che, racconta, nella sua vacanza a Ios tra sbronze e discoteche si è annoiata da morire. Mi piace perchè non addita i coetanei, non parla di generazione allo sbando, non giudica. Dice solo: mi sono annoiata! E io che nel 2005 feci una vacanza a Mykonos dal copione più o meno simile posso capirla benissimo.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: