Irene Soave

vacanze

In le parole di oggi on 29 agosto 2010 at 3:41 pm

Perchè no, vivo in vacanza da una vita
Perchè no, tra una discesa e una salita

Beh, sono finite. Questo blog riapre, la moda autunnale è in agguato, inguardabile ma ci abitueremo, ci tagliamo i capelli, ci rivestiamo, riapriamo i giornali. Non è un inizio con molto mordente, ma l’importante è rimettersi in pista. Che è già qualcosa: c’è chi le vacanze le continuerà suo malgrado per un bel po’: ad esempio le migliaia di insegnanti il cui posto – precario o di ruolo – è stato cancellato dai tagli della finanziaria e della riforma gelmini.

Ed è strano che di vacanze – vere, non coatte – si senta tanto bisogno in un periodo in cui è proprio la scarsità di lavoro a preoccupare di più. Spuntano come funghi persone (nemmeno vecchie: sui trentacinque, quaranta, e con professioni tipo avvocato giornalista ingegnere commercialista) che parlano, e qualcuno lo fa, di mollare tutto e aprire il famoso chiringuito/posada/agriturismo/atelier/negozietto in qualche posto strafigo, o comunque più passabile di Milano. In vacanza da una vita, come diceva Irene Grandi. Da una vita produttiva e però stressante, il cui senso compiuto “verticale”, di ascesa verso una meta, è diventato opprimente e non più poi tanto sensato. Prima dell’estate sono usciti – e immediatamente ristampati un sacco di volte – due libri su questo fenomeno (generazionale? forse, perchè già il nullologo generazionale fabio volo lo aveva preconizzato due anni fa nel suo orrido e però onnipresente in metropolitane hall aeroportuali e sale d’aspetto “un posto nel mondo”), che i sociologi chiamano downshifting: cambiare vita “al ribasso”, con meno carriera, meno soldi, meno ambizioni; e più natura, più fai-da-te, più affetti veri. Uno, edito da Chiarelettere, l’ho pure comprato. Non so, posso dire che a me viene un po’ la pelle d’oca? A me piace(rebbe) lavorare.

Ma le vacanze fanno bene. Non solo a chi le fa: ad esempio le ferie italiane del dittatore libico Muhamar-Michael Jackson-Gheddafi  “porteranno grandi vantaggi e soprattutto la fine dell’epoca coloniale. Ne beneficeranno le imprese, si continueranno ad avere benefici sulla collaborazione nella lotta all’immigrazione clandestina e ci auguriamo potranno avere qualche risarcimento anche le migliaia di cittadini italiani cacciati su due piedi negli anni 70”. Lo dicono dal Pdl in risposta ai dipietristi, gli unici, su tutti i giornali online in questo momento, che usano la parola dittatore riferita al nostro ospite, primo azionista Unicredit, socio Eni e Juventus, Impregilo e Terna, che in quanto tale non olet.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: