Irene Soave

boicottaggio

In le parole di oggi on 29 maggio 2010 at 8:05 pm

Lunedì è il Quit Facebook Day: chi è scontento del modo poco trasparente e spregiudicato con cui sono trattati i dati personali sul popolare social network cancellerà il proprio profilo. Ma Facebook è indispensabile? Non basta non iscriversi?

La Coop boicotta, invocandone la scarsa ”tracciabilità”, i prodotti israeliani. Cioè non li vende. Si tratta soprattutto di frutta, ortaggi e prodotti derivati. Infuria la polemica. Ma non è diritto di un venditore decidere cosa non commerciare? O il diritto di opinione deve sempre e comunque soccombere al dovere di consumare?

I giornali italiani, o meglio il loro fronte sindacale, la Fnsi, sono impegnati da qualche settimana in una guerra fra poveri per escludere i giovani stagisti delle scuole di giornalismo dalle loro redazioni, spesso piene di grandi professionisti ma anche di vecchie glorie e raccomandati. Gli stagisti sono una minaccia per i precari, dicono, e un affronto ai prepensionati. Vero? Mah. Certo sono anche bravi; non sempre, ma spesso sì. Liberissimi di boicottare i giovani, tanto ce la faremo lo stesso, alla faccia degli editoriali sui poveri ggiovani dell’istat che nè lavorano nè studiano. Per intanto sono i giovani a boicottare i giornali: molte delle copie perdute negli ultimi anni sono quelle che la nostra generazione non legge più.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: