Irene Soave

uovo

In in altre parole, le parole di oggi on 4 aprile 2010 at 11:31 pm

L’uovo mangia. O quanto meno ingoia le cose. Poi si può osservare come vengono espulse. All’inizio sono solo ombre. Poi assumono anche un colore, e si riesce a sentirle toccando la parete dell’uovo, come dentini che stanno per spuntare. Alla fine, solo una pellicola tesa come un palloncino copre l’oggetto, ormai perfettamente visibile. La pellicola si fende e si ritira arricciandosi, e l’oggetto cade dall’uovo.
Questi rifiuti non sembrano danneggiati, ma lo sono. Dopo essere stati ingoiati sono diversi, come la roba da mangiare lasciata fuori per le fate; la mattina dopo è ancora lì, ma non è più buona. I frutti di bosco sono sbiancati, il burro non si scioglie, il pane appena fatto non ha odore.

“Uovo”, in Shelley Jackson, La melancolia del corpo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: