Irene Soave

gay

In le parole di oggi on 3 aprile 2010 at 7:58 am

Ma erano giovani con capelli lunghi, oppure con baffetti tipo primo Novecento, avevano in testa bende oppure scopolette calate sugli occhi, erano pallidi e presuntuosi, il loro problema era vestirsi alla moda tutti allo stesso modo, avere Porsche o Ferrari, oppure motociclette da guidare come piccoli idioti arcangeli con dietro le ragazze ornamentali, si, ma moderne, e a favore del divorzio, della liberazione della donna, e in generale dello sviluppo… Erano insomma giovani come tutti gli altri: niente li distingueva in alcun modo.

Ieri mattina sono andata alla Fnac. Cercavo Petrolio, il Satyricon moderno di Pier Paolo Pasolini al centro, in queste settimane, di una vicenda anche giudiziaria (vedi post di ieri). Nello scaffale di letteratura italiana non c’era. Cioè di Pasolini non c’era nulla, non c’era Ragazzi di Vita, non c’erano gli Scritti Corsari, non c’erano le poesie. Ho cercato anche nella saggistica,ma anche lì non c’era nulla. Prima ho pensato al complotto: Petrolio è nella bufera, subito l’hanno oscurato (ho scoperto dopo che invece è pure in offerta). Poi ho chiesto alla commessa. “Ah, certo che c’è”, mi ha detto. “E’ nel reparto gay & lesbian”.

Fa ridere, no? E infatti su uno scaffale defilato, vicino a Quello che i mariti non dicono – memorie di una trans e Queer As Folk c’erano, in fila, Una vita violenta, Ragazzi di vita, Lettere luterane e anche lui, Petrolio. Mimetizzati tra la queer-lit e le copertine glitterate di qualche libro-tv su quant’è bello avere l’amico gay (che di questi tempi si porta un po’ come una borsa di Gucci). Nascosti no, eppure zittiti, attutiti, da un profluvio di piume di struzzo e clichè. La stessa sorte è toccata a Sandro Penna; all’Orlando di Virginia Woolf; ad Alberto Arbasino. 

*********

Nessun centralismo fascista è riuscito a fare ciò che ha fatto il centralismo della civiltà dei consumi. Il fascismo proponeva un modello, reazionario e monumentale, che però restava lettera morta. Le varie culture particolari (contadine, sottoproletarie, operaie) continuavano imperturbabili a uniformarsi ai loro antichi modelli: la repressione si limitava ad ottenere la loro adesione a parole. Oggi, al contrario, l’adesione ai modelli imposti dal Centro, è totale e incondizionata. I modelli culturali reali sono rinnegati. L’abiura è compiuta. Si può dunque affermare che la “tolleranza” della ideologia edonistica, voluta dal nuovo potere, è la peggiore delle repressioni della storia umana.

Le strade, la motorizzazione ecc. hanno ormai strettamente unito la periferia al Centro, abolendo ogni distanza materiale. Ma la rivoluzione del sistema d’informazioni è stata ancora più radicale e decisiva. Per mezzo della televisione il Centro ha assimilato a sé l’intero paese, che era così storicamente differenziato e ricco di culture originali. […] Ha imposto cioè, come dicevo, i suoi modelli: che sono i modelli voluti dalla nuova industrializzazione, la quale non si accontenta più di un “uomo che consuma”, ma pretende che non siano concepibili altre ideologie che quella del consumo. Un edonismo neo-laico, ciecamente dimentico di ogni valore umanistico e ciecamente estraneo alle scienze umane.

L’antecedente ideologia voluta e imposta dal potere era, come si sa, la religione: e il cattolicesimo, infatti, era formalmente l’unico fenomeno culturale che “omologava” gli italiani. Ora esso è diventato concorrente di quel nuovo fenomeno culturale “omologatore” che è l’edonismo di massa: e, come concorrente, il nuovo potere già da qualche anno ha cominciato a liquidarlo. Non c’è infatti niente di religioso nel modello del Giovane Uomo e della Giovane Donna proposti e imposti dalla televisione. Essi sono due Persone che avvalorano la vita solo attraverso i suoi Beni di consumo (e, s’intende, vanno ancora a messa la domenica: in macchina).

Gli italiani hanno accettato con entusiasmo questo nuovo modello che la televisione impone loro secondo le norme della Produzione creatrice di benessere (o, meglio, di salvezza dalla miseria). Lo hanno accettato: ma sono davvero in grado di realizzarlo?

No. O lo realizzano materialmente solo in parte, diventandone la caricatura, o non riescono a realizzarlo che in misura così minima da diventarne vittime. Frustrazione o addirittura ansia nevrotica sono ormai stati d’animo collettivi. Per esempio, i sottoproletari, fino a pochi anni fa, rispettavano la cultura e non si vergognavano della propria ignoranza. Anzi, erano fieri del proprio modello popolare di analfabeti in possesso però del mistero della realtà. Guardavano con un certo disprezzo spavaldo i “figli di papà”, i piccoli borghesi, da cui si dissociavano, anche quando erano costretti a servirli.

Adesso, al contrario, essi cominciano a vergognarsi della propria ignoranza: hanno abiurato dal proprio modello culturale (i giovanissimi non lo ricordano neanche più, l’hanno completamente perduto), e il nuovo modello che cercano di imitare non prevede l’analfabetismo e la rozzezza. I ragazzi sottoproletari umiliati cancellano nella loro carta d’identità il termine del loro mestiere, per sostituirlo con la qualifica di “studente”. Naturalmente, da quando hanno cominciato a vergognarsi della loro ignoranza, hanno cominciato anche a disprezzare la cultura (caratteristica piccolo-borghese, che essi hanno subito acquisito per mimesi). Nel tempo stesso, il ragazzo piecolo-borghese, nell’adeguarsi al modello “televisivo” che, essendo la sua stessa classe a creare e a volere, gli è sostanzialmente naturale, diviene stranamente rozzo e infelice. Se i sottoproletari si sono imborghesiti, i borghesi si sono sottoproletarizzati. La cultura che essi producono, essendo di carattere tecnologico e strettamente pragmatico, impedisce al vecchio “uomo” che è ancora in loro di svilupparsi. Da ciò deriva in essi una specie di rattrappimento delle facoltà intellettuali e morali.

La responsabilità della televisione in tutto questo è enorme. Non certe in quanto “mezzo tecnico”, ma in quanto strumento del potere e potere essa stessa. Essa non è soltanto un luogo attraverso cui passano i messaggi, ma è un centro elaboratore di messaggi. È il luogo dove si fa concreta una mentalità che altrimenti non si saprebbe dove collocare. E attraverso lo spirito della televisione che si manifesta in concreto lo spirito del nuovo potere.

Non c’è dubbio (lo si vede dai risultati) che la televisione sia autoritaria e repressiva come mai nessun mezzo di informazione al mondo. Un giornale fascista e le scritte sui cascinali di slogans mussoliniani fanno ridere: come (con dolore) l’aratro rispetto a un trattore. Il fascismo, voglio ripeterlo, non è stato sostanzialmente in grado nemmeno di scalfire l’anima del popolo italiano; il nuovo fascismo, attraverso i nuovi mezzi di comunicazione e di informazione (specie, appunto la televisione), non solo l’ha scalfita, ma l’ha lacerata, violata bruttata per sempre.

Da Scritti Corsari, piazzato in mezzo al diario della trans e al manuale degli arbitri elegantiarum gay per etero malvestiti.

Annunci
  1. Pasolini andrebbe letto, riletto e riletto ancora. Non abbiamo più intellettuali del genere, profondi ma “semplici” nell’espressione. Niente arroccamenti verbali e verbosi inutili e una lucidità di analisi… Sto dicendo delle banalità. Ma leggerlo è sempre una boccata d’aria.
    Mentre la gestione degli scaffali alla fnac… Che dire? Pare capire che sia un modo per metterlo nella spazzatura, sia mai che si pensi troppo. Sono sempre più convinta che la divisione “etero” e “omo” sia inutile e strumentale. Lasciamoci alle spalle queste inutili divisioni ipostatizzanti!

  2. e soprattutto ipnotizzanti. perchè ormai se vogliamo prendere il mondo a braccetto, lo dobbiamo per forza fare ironicamente. se vogliamo guardarlo sul serio, viene da piangere.
    ironia, cara bombola d’ossigeno. postmodern way of life. il resto è brutto.

  3. Che gran cazzata Pasolini nel reparto gay!! E che cazzata l’esistenza stessa del reparto gay, se posso permettermi.

  4. postmodern way of life: si, ormai ne sono sempre più convinta. mi dispiace per i miei professori filosofi antropologi dediti alla metodologia e al comparativismo: dobbiamo andare oltre!

  5. bastiancontraria, sarei/sono d’accordo con te, ma come si fa quando nelle accedemie esistono ancora studi letterari di genere, sia femminile, che gay?
    nel mio piccolo dico: forse hanno senso di esistere, se ci sono. nel mio piccolo, però, li ho sempre trovati veramente superati e – specialmente quelli postfemministi tenuti da ex68ine – veramente stucchevoli e “antichi”.
    quanto a pasolini nel reparto gay, perdio, ma chi decide questa catalogazione? (domanda a cui vorre veramente risposta).
    Ire, manda questo post alla fnac.

  6. Infatti secondo me anche gli studi letterari di genere sono una cacchiata! Forse da un punto di vista antropologico/storico/sociologico possono avere un senso, ma se parliamo di letteratura proprio no. Certo, ormai nelle librerie di letteratura ce n’è poca…

  7. wow che meraviglia, le mie bloggers preferite che duettano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: