Irene Soave

gabbie

In le parole di oggi on 13 gennaio 2010 at 2:57 pm

Il ministro della giustizia Angelino Alfano ha annunciato ieri una riforma del sistema carcerario. Arriveranno duemila guardie in più – le guardie carcerarie sono sempre drammaticamente troppo poche in carceri sempre più affollati, e sono una delle professioni che ogni anno registra più suicidi, non solo i detenuti si ammazzano, anche i secondini.
   Si parla di 21mila nuovi posti, di “carceri modello” (quello de L’Aquila), di 47 nuove carceri provvisorie, che immagino poi verranno riconvertite in alberghi radical e hotels de charme quando l’emergenza sovraffollamento rientrerà (rientrerà? forse, quando si smetterà di fare incarcerare per pochi giorni i colpevoli di reati per cui l’arresto non è obbligatorio, per fare statistica).  
   E a proposito di gabbie, tutti gli schiavi di Rosarno sono stati trasferiti nei centri di accoglienza delle vicine Crotone e Bari. Trasferiti, cioè: rimossi; quasi tutti hanno permesso di soggiorno o sono rifugiati politici, non sono, quindi, clandestini. Non ho visto un solo articolo, reportage, filmato che racconti come vivono in questi centri di accoglienza, quindi deduco che la parola d’ordine ”rimozione” sia già scattata, e chi se li ricorda più.
   Il carcere giovanile di Haiti, poi, è crollato oggi durante il terremoto. L’isola più povera del continente americano si è trasformata in una gigantesca prigione, con un terremoto senza vie di fuga. Ad ora i morti sono centomila, dispersi ancora quaranta italiani. 

   E poi ci sono le gabbie di matti. Come il Grande Fratello 10. Nell’ordine, spunta una fidanzata di Giorgio, concorrente in odore di gayezza; ci si bacia fra donne;  ci si picchia per uno scherzo mal compreso. (sono notizie? No. Eppure rimpolpano le home page dei principali quotidiani online, per aumentare il numero di clic). O Il Giornale, quinto quotidiano d’Italia per diffusione: il direttore v.f. si rivolge così al cronista di una testata rivale, reo di aver detto che lui  ha detto che gli abitanti di Rosarno son dei terroni. Grande informazione. “In una gabbia di matti”, infine, dice di essere finito l’allenatore Mario Beretta. Parla del Toro, che ha allenato per 41 giorni prima di essere esonerato da Urbano Cairo. Non è il solo allenatore torinese, in questi giorni, a cui vengono addossate colpe che sono anche della squadra. Si consoli. Le sole gabbie che non sembrano esistere nel calcio sono quelle salariali, e i 41 giorni al timone dei granata gli sono fruttati ben 500mila euro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: